fbpx
Iscriviti al corso di formazione gratuito a Fà la Cosa Giusta!
25 Febbraio 2019
Benessere in primavera, la città delle ceramiche e un invito ai migliori operatori del Garda
13 Marzo 2019

Giovanni Zambiasi è il proprietario della Scuderia Castello, a Toscolano Maderno (Bs) la prima struttura a essere presente in questo nuovo sito che viene proposto a tutti gli operatori turistici della sponda bresciana dell’alto Garda.

 

Il suo è un invito aperto?

“E’ un invito che verrà gestito in base ad alcuni parametri che sono quelli della qualità, l’idea è quella di offrire quelle cose che sono anche un po’ sconosciute del nostro territorio ma che sono interessanti, dalla pizzeria-gourmet alla enogastronomia a chilometri zero che offrono prodotti biologici e tradizionali della sponda bresciana. Per quanto riguarda gli alloggi, vengono scelti in base all’affidabilità delle persone che li gestiscono, e per gli itinerari che vogliamo proporre. Per le attività autonome i parametri sono sempre quelli della certezza del servizio, non ci rivolgiamo a gente improvvisata, abbiamo la collaborazione delle guide alpine e di media montagna. Scuole di kite surf, canottaggio, vela, diving, equitazione con passeggiate a cavallo escursionismo a piedi e in mountain bike, arrampicata sportiva e scuola di arrampicata”

Qual è il messaggio?

“abbiamo una capienza di cento letti tra Salò e Gargnano: su questi diamo la garanzia che ci sarà un trattamento attento a far sì che il cliente sia soddisfatto ma anche che sia accompagnato in esperienze a sua scelta che possono essere attive nello sport e anche enogastronomiche

Che cosa l’ha spinta a ideare questo progetto?

“L’amore per il mio territorio, sono orgoglioso di poterlo far conoscere a tanti, ma anche la consapevolezza che tanti operatori, piccoli e medi, sono un po’ in difficoltà perché non hanno strumenti di marketing adatti e quindi cercare di riunire tutte queste piccole energie in una sorgente di energia un po’ più grossa potrà aiutare tutti ad avere uno scambio e migliorare la propria attività e il proprio lavoro

Quindi è una offerta di partecipazione, senza nessuna concorrenza

“sì sì, anzi con la consapevolezza che non è concorrenza ma è un supporto reciproco

Qual è il beneficio per gli utenti?

“Per chi entra nel sito il beneficio è di avere a disposizione il know how di persone che vivono il territorio e che lo amano e quindi ti possono proporre i posti secondo noi più interessanti e sconosciuti. Quindi si possono scoprire cose nuove. Ci sono cantine nella Lugana che hanno dei prodotti di eccellenza e che vendono molto sommessamente a 5 euro la bottiglia rispetto a cantine già note che la stessa bottiglia la vendono a 12”.

Quale ritiene che sia l’arma attrattiva della sponda bresciana ?

“L’attrattiva dal Comune di Gargnano a Salò è che è una porta verso l’infinito, da dietro di noi facendo escursioni si può arrivare fino in Germania, ci sono delle valli di collegamento che aprono verso l’interno possibilità notevoli, mentre sulla sponda veneta c’è molta verticalità: o vai su o vai giù, non puoi espanderti verso l’interno, da questa parte ci sono tutte le direzioni aperte, in ambienti molto belli e molto naturali”

Volendo immaginare i confini di quest’area, possiamo dire che interessa quanti e quali comuni?

“Io ho selezionato i posti compresi tra la Valsabbia e il Garda, quella che viene chiamata la terra tra i due laghi, tra il Garda e il lago d’Idro, l’idea è quella di portare la gente a scoprire questo territorio che è ricco di tradizione e di gastronomia però è sconosciuto

Parlando di turismo sostenibile, a quale tipo di turista ci si vuole rivolgere e per offrirgli che cosa?

Il turismo sostenibile nasce dai percorsi dell’esperienza. I turisti vengono da tutto il mondo, soprattutto dal Nord Europa, portiamoli ad assaggiare olio di oliva, formaggi, e gli faccio scoprire cantine che non si immaginerebbero neanche che esistano, e per quanto riguarda le attività sportive, a parte il nord del lago che è in overbooking, le guide stesse mi dicono che hanno bisogno di espandere l’offerta, l’unico modo per vedere il nostro territorio è quello di farsi accompagnare, servono le guide, le persone che conoscono i posti

Può esserci qualcosa che viene pensato ad hoc per il turista italiano piuttosto che per chi arriva da altri Paesi d’Europa?

“Sì. Il turista italiano normalmente sul lago sceglie delle vacanze brevi, le due o tre notti massimo. Si può fare un’offerta vacanza completa, possono venire qui e trovare dalla costa tutti i divertimenti che vogliono fino a passare una settimana invece che il weekend, in modi diversi e molto interessanti”.

Mauro Lattuada
Mauro Lattuada
Responsabile della parte progettazioni e impianti progetto e supervisioni impianti di domotica e sistemi IT da più di 15 anni. Testo e metto in campo nuove soluzioni per semplificare il controllo, il video controllo e la sorveglianza degli ambienti