fbpx
Minerali e Acque da rubinetto a confronto!! Cosa è meglio bere??
15 Gennaio 2019
Segui lo streaming di Fa’ la cosa giusta 2019
25 Febbraio 2019

Sciogliere / trasportare / raffreddare / diluire / lubrificare: come potremmo fare queste cose senz’acqua?

La mia formazione professionale in ambito di ospitalità eco-sostenibile prende in considerazione la nutrizione a 360° Questo aspetto mi ha aperto gli occhi sulla presenza dell’acqua contenuta negli alimenti; molti cibi – soprattutto quelli freschi di origine vegetale – contengono abbondanti quantità d’acqua, la cosiddetta acqua legata.

E non è un caso che i cibi vegetali risultino essere contemporaneamente sia a bassa densità calorica, che a maggiore densità nutrizionale: alimenti di cui quindi tutti noi dovremmo approfittare a piene mani durante i pasti!

Frutta, verdura, legumi e cereali sono infatti vere e proprie miniere di vitamine, flavoni e minerali, anche se oggi ne contengono in media meno della meta di vent’anni fa… con comprensibili danni per la nostra salute.
Anche le bevande – come le spremute, le tisane, i caffè ed i succhi di frutta contengono acqua.
Ma non dobbiamo mai dimenticarci che tutto ciò che contiene zucchero, caffeina e/o alcool, anche se apparentemente da una parte idrata, magari perché abbinato all’acqua, dall’altra disidrata, vuoi perché assorbe acqua (come lo zucchero), vuoi perché svolge una sostenuta attività diuretica (come caffeina e alcolici).

L’acqua che beviamo deve avere caratteristiche particolari … partiamo da quelle più semplici:

Naturale, non gasata: oltre a dilatare lo stomaco le acque che contengono l’anidride carbonica anche se “di fonte” normalmente sono pesanti, con un residuo fisso superiore a 300 mg/l

Temperatura ambiente, non fredda: perché anche se ci sono 40°C all’ombra e non sei in piena digestione, l’acqua sotto i 30°C non è fisiologica e dunque crea sempre spasmi allo stomaco, che deve compensare lo shock termico rialzando faticosamente la sua temperatura interna Microbiologicamente pura: cioè con pochi minerali inorganici (calcio, magnesio, ferro, alluminio, piombo) e senza elementi inquinanti chimici , fisici o organici  Quasi neutra: un’acqua buona ha un pH quasi neutro (prossimo a 6,8 )

Leggera e poco dura: un’acqua salubre idealmente è soprattutto leggera, cioè ha un residuo fisso inferiore a 35 mg/l

Che cos’è il residuo fisso? Il residuo fisso indica la quantità di minerali disciolti nell’acqua: è un numero che esprime quanti minerali inorganici restano nel contenitore dopo che viene fatta evaporare l’acqua esponendola a 180°C .

La durezza dell’acqua, espressa in gradi francesi (1°F = 10 mg di carbonato di calcio e magnesio per litro), è un parametro secondario simile al residuo fisso che esprime solo la quantità dei carbonati di calcio e magnesio (cioè calcare) presenti nell’acqua.

Ma quanta acqua dobbiamo bere ogni giorno ?

Normalmente, se non si fanno grandi attività fisiche, sono consigliati due litri da bersi durante la giornata. Queste quantità vanno aumentate fino al 50% in più se si vive in ambienti con oltre 20-22°C, soprattutto se riscaldati artificialmente o con l’aria condizionata, e/o se si fa attività fisica.

Lo sapevi che è stato stimato che circa l’80% della popolazione soffra di cali di energia proprio per la disidratazione??  Una riduzione del 5% causa una perdita media di energia di almeno il 25%. Se arrivi al 15% sei finito! Diversi studi dimostrano che anche depressione e sindrome da stanchezza cronica sono causati  dalla disidratazione, dato che – come e più di altri organi – il cervello e fatto per l’85% di acqua.

Riporto uno stralcio di una bella citazione del Dr. Fereydoon Batmanghelidj sul legame tra disidratazione cronica e patologia, leggila con attenzione:

“Nella maggioranza dei casi, gli stati di infermità dovrebbero essere considerati come disturbi causati dalla disidratazione. (…)
Nelle società avanzate, pensare che tè, caffè, alcool e bibite siano piacevoli sostituti per il naturale bisogno di acqua del corpo sottoposto a uno stress quotidiano è un errore elementare, ma catastrofico. E’ vero che queste bevande contengono acqua, ma esse contengono anche elementi disidratanti (quindi diuretici). Esse fanno espellere non solo l’acqua in cui sono diluite ma anche altra acqua presa dalle riserve del corpo!”

Fonte: Fereydoon Batmanghelidj, M.D., “Il tuo corpo implora Acqua”

E pensa che la disidratazione diminuisce anche il rendimento scolastico nei bimbi !!

Come risparmiare acqua con soluzioni semplici ed econoomiche?

IFrame

Scopri il sistema per il Trattamento dell’Acqua eSpring

Rimuove il 99,99% dei batteri portatori di malattie; più di 160 agenti contaminanti tra cui oltre 140 contaminanti potenzialmente dannosi per la salute.