fbpx
Wired: Cari sindaci, Wired porta il wi-fi gratis in 150 piazze: prenotatevi!
2 Febbraio 2011
DataManager: Le piazze in rete
2 Febbraio 2011

GQItalia: IL “TROVA WI-FI”

Fonte

Wired lancia un’app (gratuita) per iPhone che consente di trovare gli hotspot Wi-Fi più vicini. L’abbiamo provata

Il sogno è sempre quello: poter girare per le nostre città, ed essere sempre connessi a Internet. Per dare un’occhiata alla mail, al vostro sito preferito, o fare una ricerca on line. Per realizzare questo sogno, il mensile Wired – come GQ edito da Condé Nast – s’è inventato un’applicationsemplicissima, e geniale.

L’app – che sarà disponibile da oggi, e che GQ ha potuto provare in anteprima, vedi il video sopra – consente di vedere, sul proprio iPhone, quali sono gli hot spot wi-fi che ci circondano.

Due le visualizzazioni possibili: ad elenco – molto comoda, per capire dove ci si può connettere gratuitamente, qual è l’hot spot più vicino e il più potente – e a “mappa”, ch consente di visualizzare quali saranno gli hot spot wi fi più vicini per “collegarci” ad essi mentre, magari, ci si sposta.

Ma non è finita, perché nell’app – sempre a portata di un click con il dito sullo schermo dell’iPhone – si trova anche il Manifesto “Sveglia Italia” lanciato da Wired.

E la possibilità di “aggiungere” il proprio hot spot alla lista di partenza (che già ne conta oltre 5mila). Insomma: se avete un hot spot wi fi, potete segnalarlo e aggiungerlo comodamente all’app, indicando se è gratuito o meno e altri dettagli tecnici.

In questo modo si consente a tutti di vedere dove ci si può connettere. E – grazie al supporto di Peugeot, che ha sponsorizzato l’intera iniziativa, e in collaborazione con Unidata e Green Geek – ci si avvicina al sogno: quello di una Rete che sia aperta e disponibile a tutti.

Mauro Lattuada
Mauro Lattuada
Responsabile della parte progettazioni e impianti progetto e supervisioni impianti di domotica e sistemi IT da più di 15 anni. Testo e metto in campo nuove soluzioni per semplificare il controllo, il video controllo e la sorveglianza degli ambienti