L’impianto allarme: come progettarlo perché sia sicuro al 100%
agosto 5, 2016
Cosa posso controllare con la domotica?
agosto 5, 2016
incamino

incamino


Aver progettato e implementato un sistema di domotica nel proprio spazio di vita aiuta su molti fronti: per sommi capi i principali benefici della scelta di una soluzione domotica.

Ottimizzazione dei consumi
Sopperendo alle normali distrazioni, e intervenendo nella gestione dei carichi di corrente, il sistema domotico permette un contenimento netto e visibile della bolletta di fine mese. Avere una casa domotica non significa avere una centrale elettrica in casa. Anzi, e’ un modo per controllare e ridurre le proprie spese, eliminando gli sprechi.

Eliminazione degli sprechi
Mai piu’ la luce del bagno che rimane accesa per tutti e venti i giorni di vacanza, o il frigorifero in condizioni paurose a causa di un leggero picco che ha fatto saltare il contatore, tutte cose che capitano abitualmente nella vita domestica. Quando usciamo il condizionatore si spegne e, se vogliamo, bastera’ una telefonata (o un click su internet) per riaccenderlo poco prima del nostro arrivo, e trovare la casa cosi’ come la vorremmo, ma con un occhio alla natura (e, perche’ no, uno al portafoglio).

Gestione dei punti luce
Entrando in casa di notte fa comodo che, aprendo la porta, la luce si accenda da sola. La mattina, oltre alla sveglia, anche la veneziana che si apre automaticamente, inondando di luce la stanza, e’ un ottimo incentivo a non girarsi dall’altra parte. Avendo accesso e controllo di tutti i punti luce della casa potremo decidere quello che vogliamo “pronto” al nostro risveglio (compreso il fornetto elettrico per le brioches dei bambini) e tutte le mattine accadra’, magari non al sabato e alla domenica se vogliamo dormire di piu’….basta dirlo al sistema domotico.

Gestione degli automatismi della casa
Se la temperatura si alza troppo il sistema puo’ essere impostato in modo da provvedere, se non c’e’ nessuno in casa, ad abbassare le tapparelle e aprire i finestroni motorizzati (molto piu’ economico e sano che accendere il condizionamento) o a portare l’ambiente alla temperatura che abbiamo richiesto se invece siamo in casa. Quando inseriamo dal letto l’allarme chiederemo che non venga attivato nella stanza l’allarme areale, per permetterci di muoverci senza fare intervenire l’allarme. Automatizzare una casa vuol dire ottenere in una sola mossa quello che dovremmo fare in 10 operazioni: basta inserire una chiavetta per ottenere il risultato che vogliamo.

Gestione dei carichi di corrente
Ferro da stiro e lavatrice: un attimo e la corrente e’ saltata…. No, il sistema domotico gentilmente ci informera’ che ha tolto alimentazione alla spina del ferro da stiro, causa sovraccarico sul sistema. Ci avvisera’ lui quando sara’ terminato il ciclo e potremo terminare di stirare… Estrema semplicita’ e attenzione alle esigenze.

Gestione delle prese alimentate
Il sistema domotico permette di controllare tutte le prese alimentate presenti nella propria abitazione: tutti quei led che (spesso inutilmente) stanno accesi di notte e consumano possono tranquillamente essere disattivati. Questo significa, ad esempio, che in caso di picchi di corrente sull’impianto (eventi naturali, problemi di centrale, o altro) i nostri apparecchi “non risulteranno collegati”… Ovviamente si potranno escludere (e lasciare collegati) tutti gli elettrodomestici (come il forno, dotato di orologio) che non avrebbe senso scollegare se non per lunghi periodi. Il sistema domotico fa anche questo, basta un profilo vacanze che si attivera’ in caso di assenza prolungata.

Eliminazione dei campi elettromagnetici
In particolare la notte, quando il sistema viene portato “al minimo” per quanto concerne le prese attive e le luci accese, l’appartamento risultera’ libero da campi elettromagnetici normalmente presenti in una casa. Questo significa una casa sana in cui vivere meglio.

PiuTurismo
PiuTurismo

Team di esperti di turismo e di nuove tecnologie che testa e utilizza soluzioni 3.0 per le aziende e privati

Lascia un commento